Prevenzione

La prevenzione risulta più efficace su una popolazione selezionata per FATTORI DI RISCHIO dove si può diagnosticare un melanoma ogni 10-25 persone visitate, rispetto a una prevenzione effettuata su una popolazione non selezionata in cui si fa diagnosi di un melanoma ogni 500-850 persone.

ACM organizza ogni venerdì pomeriggio, visite di controllo riservate ai Soci, presso gli ambulatori di Via Garibaldi n. 198 a Pisa, oppure presso altri ambulatori elencati sul sito.

Ogni anno, prima dell’estate, ACM organizza visite di prevenzione gratuite aperte a tutti coloro che presentano FATTORI DI RISCHIO (CAMPAGNA ANNUALE CONTRO IL MELANOMA).

E’ gradita l’iscrizione ad ACM o un’offerta libera. Tutte le visite sono effettuate da medici specialisti volontari coadiuvati da soci di ACM.
La prenotazione delle visite, necessaria in ogni caso, dovrà essere effettuata on-line nell’apposita pagina del sito, oppure telefonando ai nostri volontari nei giorni di lunedì e giovedì dalle 14,30 alle 16,30 al numero 3341630670.

————————————————-
Alcuni comportamenti possono ridurre il rischio di sviluppare tumori della pelle. È fondamentale innanzitutto esporsi al sole in maniera moderata fin dall’età infantile, evitando le ustioni. In generale bisogna proteggere la pelle evitando di esporsi durante le ore più calde (tra le 10 e le 16) ed evitando o riducendo al minimo l’uso di lampade o lettini abbronzanti. Sotto il sole è
consigliabile indossare cappelli e occhiali da sole e usare creme protettive adeguate al proprio tipo di pelle, applicandole più volte in modo da assicurare una copertura continua.

Queste attenzioni vanno riservate soprattutto ai bambini, molto sensibili alle scottature: il processo di trasformazione tumorale è molto lungo e spesso può derivare da un danno al DNA che è avvenuto in età pediatrica.

È inoltre necessario controllare periodicamente l’aspetto dei propri nei, sia consultando il dermatologo, sia autonomamente guardandosi allo specchio e facendosi guardare da un familiare nei punti non raggiungibili col proprio sguardo.

Continua>>