Spettro della radiazione solare

Spettro della radiazione solare e luce visibile

I fotoni emessi dal sole hanno una frequenza piuttosto eterogenea che comprende la quasi totalità dello spettro elettromagnetico, dalle radioonde fino ai raggi gamma. Nel grafico viene mostrata buona parte dello spettro di emissione solare (tecnicamente nel grafico viene indicata l’irradianza, che arriva sulla terra, prima di attraversare l’atmosfera terrestre). Le ordinate sono su scala logaritmica; appare quindi evidente come la maggior parte dei fotoni (quindi la maggior parte dell’irradianza) sia concentrata tra i 200 nm (0,2 μm) e i 2.000 nm (2,0 μm) di lunghezza d’onda.

L’UV può essere suddiviso in differenti bande, diversamente definite a seconda dei campi di studio. La suddivisione più immediata è: UV vicino o prossimo (380-200 nm) e UV estremo (200-10 nm) [ε = h.ν, h = costante, ν = frequenza; ν = c / λ, c = velocità della luce, λ = lunghezza d’onda.

Qualora si consideri l’effetto dei raggi UV sulla salute umana, la gamma delle lunghezze d’onda UV è in genere suddivisa in: UV-A (400-315 nm), UV-B (315-280 nm) e UV-C (280-100 nm).
Il Sole emette fotoni in una vasta gamma di frequenze, che coprono quelle della luce ultravioletta in tutte e tre le bande UV-A, UV-B e UV-C, ma a causa dell’assorbimento da parte dell’ozonosfera circa il 99% degli ultravioletti che arrivano sulla superficie terrestre sono UV-A. Infatti quasi il 100% degli UV-C e il 95% degli UV-B è assorbito dall’atmosfera terrestre.

L’intensità di queste radiazioni viene espressa in modo semplice e chiaro con l’Indice UV, indice universale della radiazione UV solare, riportato nelle previsioni meteorologiche.

I raggi ultravioletti sono usati anche nella sicurezza. Questa luce evidenzia la falsificazione di passaporti, banconote, ecc…

Molti animali tra cui molti uccelli e molti insetti, come le api, possono vedere l’ultravioletto vicino, e i fiori hanno spesso colorazioni a loro visibili.

Le porzioni di radiazione ultravioletta di alta frequenza sono considerate radiazioni ionizzanti che sono estremamente pericolose a causa della loro alta energia.

Continua>>